CINEMA Rwanda il paese delle donne

More

15 aprile 2019 21:00

RWANDA il paese delle donne

proiezione del film documentario nell’ambito del progetto europeo “Frame, Voice, Report!”

in collaborazione con associazione AlmaTerra

Conoscere la sua storia per capire il presente
L’obiettivo principale del progetto “Rwanda. Il Paese delle donne” è quello di porre l’attenzione di tutti e in particolare dei giovani, sulla storia del Rwanda, attraverso incontri in cui interverranno testimoni e esperti.
Verrà ripercorso il genocidio dei Tutsi nel 1994: circa 1.000.000 persone, il più grave genocidio dopo la fine della seconda guerra mondiale.
Le sue cause e le sue colpe, gli stupri e le violenze subiti dalle donne ruandesi (calcolati dall’ONU tra le 250.000 e 500.000) e il ruolo cruciale delle donne stesse nel preservare e nel ricostruire, attraverso il rafforzamento del loro empowerment, i valori di non violenza, uguaglianza, pace e dignità.
Verrà raccontato quanto hanno fatto le donne dopo il genocidio per i diritti, la riconciliazione e la pace, fino ad arrivare a importanti forme di emancipazione occupazionale, culturale e politica (sono il 64% dei parlamentari, un primato mondiale).
Verranno affrontate le contraddizioni tuttora esistenti, soprattutto nelle zone rurali, di discriminazione e di violenze domestiche contro le donne, e di marginalizzazione delle donne vittime di stupri di guerra e dei loro “figli dell’odio”.
L’interconnessione tra la storia del Rwanda e il ruolo dell’Occidente è affrontata in varie pubblicazioni che verranno illustrate nel corso delle proiezioni e dibattiti, e che documentano il ruolo del colonialismo belga, dell’interventismo francese e dei gravi limiti e ritardi dell’Onu e dei Caschi blu, che di fatto permisero il genocidio di un milione di persone, tutsi ma anche hutu, la fuga di due milioni di ruandesi, il saccheggio e la distruzione di case e infrastrutture

 


Ingresso Libero

Per info: info@cecchipoint.it
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *