CINEMA Real Falchera

More

7 Giugno 2017

CINEMA

Proiezione del film documentario REAL FALCHERA

di Giacomo Ferrante (1991, 37′)

apertura della campagna di crowdfunding per sostenere la produzione del film documentario Real Falchera F.C. – Il Derby con la partecipazione speciale del regista Mimmo Calopresti e dell’autore Giacomo Ferrante
a seguire verranno proiettate anche alcune riprese inedite non inserite nel documentario originale e ci sarà un incontro con i protagonisti di allora

Nel 1991 Giacomo Ferrante girava il documentario Real Falchera F.C.: uno spaccato di vita di ragazzi del quartiere Falchera di Torino, preso a simbolo di tutte le periferie urbane degli anni Novanta, attraverso le loro esperienze, speranze e sogni. Oggi, a 26 anni da allora, è nato il desiderio di ritrovare alcuni di quei protagonisti, per riallacciare i fili della memoria, seguire le loro storie, osservare il loro percorso di vita e capire se, nel quartiere, qualcosa è cambiato. Real Falchera F.C. – Il Derby vuole ritornare a Falchera, seguire le storie dei protagonisti del primo film ma anche dare voce ai giovani che oggi vivono il quartiere, mettendo a confronto le due generazioni. Giacomo Ferrante va oltre l’idea del tradizionale piano di produzione:”La realtà ti stupisce e spesso supera le tue aspettative. Il mio “metodo” è quello di lasciare la telecamera aperta all’imprevedibilità di quello che può offrire l’osservazione e l’incontro con il reale.”

L’inizio della lavorazione è previsto nell’autunno 2017, la conclusione nella primavera 2018. La campagna di crowdfunding attiva dal 7 giugno sulla prestigiosa piattaforma Eppela è finalizzata alla raccolta dei fondi necessari a coprire i costi vivi e immediati relativi alle riprese. Il progetto è promosso dall’Associazione Videocommunity, una comunità di videomakers, operatori sociali, associazioni e cittadini attivi sul territorio piemontese dal 2004. Un progetto di comunicazione sociale che dà voce a chi non ne ha, mette in contatto realtà sociali e culturali diverse, crea relazioni tra cittadini e istituzioni, produce e trasmette informazione plurale, educa ad uno sguardo critico sulla comunicazione di massa.

Hanno aderito al progetto anche l’Associazione Museo Nazionale del Cinema, la casa di produzione Zenit Arti Audiovisive, Associazione Arteria onlus e alcuni professionisti del cinema torinese. Nel corso dell’estate saranno organizzati incontri e proiezione pubbliche a sostegno della campagna presso il Piccolo Cinema con la partecipazione
dei gemelli De Serio, la Casa nel Parco di Mirafiori con la partecipazione di Davide Ferrrario e i Bagni Pubblici di Via Agliè con la partecipazione di Steve Della Casa.

GIACOMO FERRANTE Segue il corso di video-documentazione sociale della Cammelly Factory, diretto da Daniele Segre e Gianni Volpi, diplomandosi con il video Se prendessero lei e lo mandano via? (1990) sul tema dell’integrazione sociale tra ex immigrati meridionali e neo immigrati extracomunitari. L’anno successivo realizza, insieme a Enrico Verra e Renato Ricatto, Real Falchera Football Club, che ottiene diversi premi nell’ambito delle rassegne di cinema indipendente. Nel 1992 gira Uomo della pietra, film dedicato a Maurizio Marletta, una delle figure più famose del mercato di Porta Palazzo, artista di strada il cui numero principale consisteva nel sollevamento di una grossa pietra. Nel 1993 firma la regia di altri tre film: L’anguria, Il pallone e Frammenti di viaggio. L’anno seguente è la volta di Frammenti di quartiere e Milano 25 aprile 1994, film collettivo sull’imponente manifestazione tenutasi a Milano all’indomani dell’avvento del governo Berlusconi. Del 1996 sono Alzabarriera e Stranamore – attenti a quei due, video inchieste sui giovani torinesi della Barriera di Milano. Dopo Viva la guerra Ferrante torna a occuparsi delle periferie urbane con Barriera d’Italia – Torino pop. Nel corso degli anni 2000 altri titoli vanno ad arricchire la già consistente filmografia, come Il ragazzo, Poesia, il lavoro collettivo Senza Fiat…O?, Da porta a porta, Cassa da vivo e Bussana Vecchia Europa Nuova – L’uomo col mazzo di fiori in mano.

Ingresso libero

Info: videocommunity@videocommunity.net – realfalchera@gmail.com
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *